L’analisi dei dati per lo studio del mercato di riferimento

Se il responsabile marketing di una qualsiasi azienda deve redigere un piano di marketing o vuole sviluppare un nuovo progetto per un progetto di startup, ha la necessità e la responsabilità di conoscere il mercato di riferimento in cui opera o andrà ad operare, per stimare obiettivi di vendita e un budget coerente.

Ecco dunque che è fondamentale porsi delle domande e cercare, attraverso vari canali, le risposte.

Ecco le domande:

  • Qual è il mercato target e qual è la mia clientela attuale (vedere su WIkipedia domanda Potenziale e domanda Reale)
  • In che modo possiamo segmentare il mercato?
  • Quali sono i trend del mercato di riferimento?
  • Qual è il comportamento di acquisto dei miei clienti?
  • Qual è la mia quota di mercato attuale?

Ecco ora dove trovare le informazioni

  • Fonti interne ed esterne – le fonti esterne sono Primarie (osservazione, analisi dei fenomeni esterni), Secondarie (siti web, dati aggregati), Dati secondari (Analisi di mercato acquisite da terzi). Se non avete le fonti interne (risultati di vendita, feedback dei clienti)…avete un problema.
  • Ricerche qualitative e quantitative: le ricerche quantitative sono indagini statistiche, quelle qualitative sono le interviste in profondità sui consumatori e clienti potenziali. Le prime hanno l’obiettivo di fornire una analisi statistica e una natura descrittiva e causale, quelle qualitative invece danno una dimensione esplorativa.

Il potenziale di un territorio è l’espressione in termini monetari del volume di vendite che si può realizzare in un territorio in un dato periodo (coefficiente di conversione)

Tags

Vuoi ricevere in anteprima TUTTi i miei segreti?

Clicca qui

top
Ricevi gratis il mio corso di web marketing

Inserisci la tua email e ricevi subito il mio corso GRATIS!

Voglio l'ebook!